Our Blog

0



ANTETNA

Etna Nera

Salire,
aspirare all’alto
respirare dal basso
Superare il Masso
il suolo è illune,
un campo storto di creta negra.

Strapiombo alle spalle.
Tra I passi scorsi,
figure e volti,
fra i sassi e le miglia,
sentori silenziosi,
solo suoni sparsi
e qualche rara foglia

Secca
nel luglio rovente
un lieve alito di vento
seda lo scontro
calore solare – sudore
che ancora ora
dora le membra seminude
agli ospiti audaci.

Ti vivono indosso
Titano austero
Onorato Nero Sacro Loco
La verde vita in sopra
Al di sotto il Fuoco.

Da qui s’offre al mare.

V. Castellana 2010

 



Jacob Van LennepKade
Ore intere a regalare
sguardi all’acqua…
ad odorare, a udire.
Un’anitra, poche oche facciabianca
A mò di elemosinanti,
si accostano starnazzando alla barca
questuando un pasto
a chi gli presta un contatto.
Qui hanno speme nell’uomo.

Il canale trasporta scarti e ricordi
verso un casuale approdo,
là dove vanno i pensieri
che non si amano considerare.
Quegli spogli alberi,
vestiti dagli anni trascorsi
sagome ordinate
luce soffusa.

Questa è la città che non si lascia,
mai tacitare dal soldo,
mai tacitare dal sonno.
Il silenzio è nascosto nella freneticità.
Ogni tanto un campanello
comunica vita e presenza.
Scrìcchiolano ruote bagnate in velocità.

Ogni cosa muta nella sua quiete

Ed io
galleggio senza muovermi,
così la mia anima;
anche la casa…

 

V. Castellana 2009


caltavuturo
Notte e Note
Alle 3.33 cerco l’anima vista in te.
E l’odore, il respiro,
le parole che mi sfuggono.
Inseguo una rima,
si separo mentalmente
L’ho già fatto prima,
qui, in cima alla mia torre,
Provo a scrivere o comporre,
creare un niente dal niente,
semplicemente, per istinto,
evito il pensare e tutto scorre.
L’aria è morbidamente tiepida.
Io seduto, assetato, avverto. Racconto.
Questo paesello è dipinto nel buio.
Ogni casa pare nata da un pennello. Ogni cosa sta vivendo il suo momento. Si manifestano strani giochi nella luce. Si palesa la sensibilità.
Mi sento onestamente grato alla mia personalità, alla Poesia.
Che io sia lontano o no sono sempre a casa mia.

V. Castellana 2011